martedì 8 maggio 2018

LAEDERBRAUN, Ade (2017)


Nativi di Lecco, dopo l’ep Saturnalia del 2009 e Dies Irae del 2010, i Laederbraun arrivano a questo secondo full lenght inserendo la voce femminile di Isabella Conca e il violoncello di Michele Nasatti, che si aggiungono al basso di Gionata Montanelli, alla batteria di Antonio Romano e alle chitarre di Simone Goretti. Ade, prodotto da Fil 1933, è un concentrato di rock italiano, con vagiti hard e progressive settantiano, poco più di trenta minuti in cui la band predilige impatto e grinta come si faceva quando in Italia certa musica ancora aveva spazio. Elettricità a fiumi, hard e virate blues, aggressività e melodia, riff distorti, il tutto con uno sguardo verso un passato che non c’è più ma che il quintetto porta avanti con onestà e fierezza. I nove brani di Ade si susseguono in maniera scorrevole, senza particolari cali e con un paio di picchi sopra la media, a partire dall’iniziale e selvaggia Barracuda, traccia vigorosa e robusta. Anche Vertigine risulta brano deciso ed energico e fa il paio con Son qui per te, trame in cui emerge la personalità della Conca, novella Silvana Aliotta, cantante dei mai dimenticati Circus 2000. Il violoncello apre 21 Gr, per poi esplodere in una seconda parte drammatica e più impetuosa, mentre Marea viaggia su territori quasi hard rock. Della stessa pasta è Virtuale, con la chitarra di Goretti pronta a graffiare e il rock, quello senza fronzoli, si manifesta pure in Spirali. Insomma, un susseguirsi di composizioni ad alto voltaggio che ci conducono verso il finale in cui troviamo prima la gradevole Occhio nudo e poi Instabile, un magnifico momento cupo e potente. Buona prova per i Laederbraun, che in poco più di trenta minuti imbastiscono un lavoro spartiacque della loro pur breve carriera, perché l’inserimento del violoncello (che potrebbe anche essere maggiormente sfruttato in futuro) e di una voce femminile (ottima la prova della Conca) danno quel qualcosa in più allo stile dei lecchesi, forti anche di un songwriting sicuro, che punta giustamente sulla coesione e la compattezza. Per ascoltare e  acquistare l’album potete visitare la pagina https://fil1933group.bandcamp.com/album/laederbraun-ade . (Luigi Cattaneo)

2 commenti: